Start Up, ecco i dati del rilancio e l’importanza di un corretto web marketing

(tratto da http://www.spotandweb.it)

2 su 3 si dichiarano motivati dalla necessità di una fonte di guadagno aggiuntiva, soprattutto negli ultimi anni
Le moderne soluzioni per creare un sito internet permettono ad utenti di qualunque livello di conoscenza IT, di gestire un’attività su internet

MyWebsite_StudioDesign

Il 67% circa degli adulti italiani ha seriamente preso in considerazione l’idea di avviare una propria attività, secondo una recente ricerca diffusa oggi da 1&1 Internet leader globale nel web hosting. Il dato raccolto intervistando circa 1.400 utenti italiani mostra che negli ultimi anni molti di loro hanno seriamente analizzato le opportunità disponibili al fine di incrementare il reddito familiare. Il minimo guadagno “atteso” per prendere in considerazione l’idea di avviare un’attività extra è di circa €29.703 l’anno. Lo studio suggerirebbe comunque che lo spirito imprenditoriale italiano si conferma forte. 1&1 suggerisce a chiunque desideri avviare un nuovo progetto di business, di prendere in considerazione gli strumenti e le soluzioni “online” disponibili oggi sul mercato, perché realmente capaci di aumentare le opportunità di successo e al contempo di garantire più flessibilità nel lavoro di tutti i giorni.

Un nuovo sondaggio svolto tra circa 1400 utenti adulti Italiani1 rileva che molti hanno in mente sia un’aspirazione che una seria fiducia nell’ipotesi di iniziare un nuovo business. Il 67% circa degli utenti intervistati ha “seriamente preso in considerazione” l’idea di avviare un’attività in proprio. Sembra ci sia una leggera variazione delle percentuali tra i sessi – 71% degli uomini intervistati, contro il 64% delle donne. Se dividiamo per città, Bari evidenzia il tasso più alto di “ambizioni”, con il 78,6% degli intervistati che si dichiara pronto ad avviare un’attività imprenditoriale. Seguono Napoli (75,4%) e Reggio Calabria (74,4%).  Gli utenti di Genova sono i più “riluttanti all’idea”, con solo il 57,4% che si dichiara interessato.
Circa il 18,9% degli intervistati ha pensato di avviare una propria attività in parallelo all’impiego attuale, con l’obiettivo di potenziare il reddito familiare. Altre motivazioni primarie emerse nelle risposte includevano ad esempio l’opportunità di essere “il capo di se stessi” (17,3%), il raggiungimento di un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata (12,%), la passione per un hobby (20,4%). Non sorprende forse il dato che attesta che il desiderio di avviare un’azienda diminuisce con l’avanzare dell’età. Gli intervistati che hanno tra i 25 e i 34 anni sono maggiormente orientati all’idea di lanciare un business.
Un interessante aspetto della ricerca effettuata tra gli utenti italiani, è il dato medio di fatturato “secondario” atteso per prendere in considerazione seriamente la decisione di avviare una start-up. Il totale lordo medio atteso è di €29.703 per anno. Questo dato è molto più basso rispetto a quello registrato in Germania, con un’attesa media dichiarata molto più alta, di circa €52.000. A seguire America, con circa €39.000 e Spagna, con un’attesa di circa €34.000. Sia i cittadini francesi che quelli polacchi hanno dichiarato che “potrebbero dirsi felici” con un guadagno più basso, che si attesta su €25.700 per la Francia e su soli €12.480 per la Polonia.

Robert Hoffmann, CEO Hosting 1&1 Internet, commenta: “Grazie a Internet oggi è molto più facile avviare un’attività commerciale. Un potente sito e i giusti strumenti per attrarre clienti possono spesso rappresentare la chiave di volta per trasformare un’idea di business in un reale successo. Esistono pacchetti moderni di soluzioni per i siti internet in grado di fornire tutti gli strumenti di eBusiness necessari ad attrarre, interagire e intrattenere relazioni con gli utenti online – già ottimizzati per posizionare il proprio sito in cima nei motori di ricerca e per connettersi alle community su Internet, come Facebook, Twitter ed eBay. Con strumenti così potenti a disposizione sul web, creare un sito Internet senza avere alcuna abilità a livello software o di programmazione,  è più facile di quanto si pensi – il risultato è che un’attività parallela o un hobby possono non solo diventare economicamente praticabili e profittevoli, ma anche garantire un buon equilibrio tra lavoro e vita privata”.
Lo Psicologo di Internet Graham Jones crede fermamente che gli strumenti Internet-based possano seriamente aiutare gli imprenditori a raggiungere il successo.
Jones commenta: “Una ricerca svolta negli ultimi anni ha mostrato che quando le persone utilizzano Internet come focus del proprio business, la loro produttività sale. Se solo più persone sfruttassero gli strumenti disponibili online, anche loro potrebbero avviare imprese redditizie utilizzando l’ampio know-how fornito dalla rete per garantirsi un vantaggio competitivo”.

(fonte: spotandweb.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...