Le aziende bergamasche oggi, purtroppo come ieri

Capodanno. Quelle ventiquattrore che segnavano il crocevia da cui ripartire con nuovo entusiamo al nuovo anno, ora, sono il riflesso sbiadito del panorama imprenditoriale locale, infiacchito dalla tassazione, senza idee, dissanguato e privo di utili da reinvestire. E mentre le incognite gravano sul futuro di piccoli imprenditori e commercianti che vedono l’abituale mercato prosciugarsi progressivamente, ciò che non viene contemplatata è la creazione di una corsia preferenziale in cui imboccare la via del rilancio. Una analisi di mercato condotta da MTSM Srl sull’arco del 2013, ha evidenziato una falla pesante – e che accomuna fortunate e meno fortunate attività del territorio bergamasco cittadino e provinciale: la pressoché totale assenza di una strategia di mercato programmata. Investimenti pubblicitari e cartellonistica senza criterio apparente restano le spese più gettonate, ma c’è chi fa peggio: pianificazioni approssimative non corrisposte da un investimento per strutturare una immagine coordinata dell’azienda, ad esempio, azioni promozionali slegate tra loro che non trovano univocità di intenti. Per uscire dalle sottigliezze tecniche, con immagine coordinata si intende quel biglietto da visita che parte dalla comune business card al sito web, proseguendo con lo sbarco sui social network (vero flop che iscrive al club un numero elevatissimo di aziende) e una mancanza di criterio per coordinare queste attività con eventi fieristici e promozione costante pianificata sull’arco dell’anno.

Ancora da sdoganare, invece, il luogo comune che vedrebbe nel marketing e nelle attività di branding una spesa accessoria, da affrontare con superficialità o, troppo spesso, da non sfruttare affatto. La zavorra culturale che vede negli aficionados e nel nome (talvolta storico) di un’attività la certezza sufficiente per superare la crisi, rappresenta un altro forte limite della piccola imprenditoria bergamasca; la difficoltà nel fare rete si assomma alla difficoltà nel promuoversi, e l’addurre la crisi come causa principale un immobilismo dettato più dall’assenza di idee che di fondi per un investimento rateizzabile sull’immagine, la via di fuga più battuta.

Parlando invece di numeri, evidenziamo quelli che possono essere i costi per un investimento sull’immagine – mediamente – che potrebbe sostenere un’azienda sull’arco dei 12 mesi. La spesa media, calcolata  secondo i prezzi di listino di MTSM oscilla tra gli 85 e i 200 euro mensili, che calcolati sull’arco dei 12 mesi, se vogliamo parlare di cifre complete, ammonta quindi ad un investimento di 1.020 – 2.400 euro annui, come anticipato, rateizzabili.

La domanda che poniamo alle aziende e ai commercianti è la seguente: la vostra immagine vale di più o di meno di quello che noi chiediamo?

Annunci

“Il Volontariato attraverso le emozioni del Gospel, nel segno di A.R.M.R.”

Illuminare il Natale e colmarlo del suo precipuo significato, nella miglior tradizione americana e nel segno di A.R.M.R. Il Gruppo Giovani della Fondazione impegnata nella lotta contro le malattie rare, anche quest’anno, chiama a raccolta soci, sostenitori, amici e cittadini, per un momento di riflessione e condivisione che passerà attraverso il canto.

Protagonista dell’evento, fissato per domenica 15 dicembre alle ore 20.30 presso la Chiesa Prepositurale di Santa Maria Immacolata delle Grazie, è il coro “Sant’Antonio David’s Singers”, per una serata diversa, ad ingresso gratuito, e in cui non mancherà proprio nulla. Dalle emozioni del canto, alla convivialità di uno spumante ed un buon panettone sotto le luci natalizie di Bergamo che irradiano via Papa Giovanni. “E’ molto importante essere presenti, per capire e comprendere – spiegano i ragazzi di A.R.M.R. -: viviamo un’epoca storica contrassegnata da particolari difficoltà che, prima ancora dell’economia, toccano e intaccano il sociale”.

E riprendono: “vogliamo riconfermare il nostro impegno quale patto sociale per l’aiuto della comunità, e lanciare un messaggio sempre più chiaro che intende mettere al primo posto l’impegno volontario, la solidarietà tra i cittadini, e verso tutti coloro che vivono in uno stato di degenza e ai quali – con il nostro piccolo contributo – vorremmo dare una luce di speranza che vada oltre il dolore della malattia,  poter trovare il sorriso a Natale”. Il tocco di qualità, invece, sarà dato dalla partecipazione di una corale di lunga tradizione, attiva dal 1972, che porta il nome di “Sant’Antonio David’s Singers”.

Per loro, una storia di oltre quarant’anni scritta sul territorio, narrata con il canto e, ora, integrata con il Gospel, che porterà sul proscenio emozione e tradizione. Il repertorio è generalmente composto da brani Spiritual e Gospel che, nel periodo natalizio, vengono rielaborati con un mix di canti adatti al periodo, sempre arrangiati in modo consono alla tipologia musicale del gruppo. La direzione del Coro è affidata a Valerio Merigo, che anche nelle precedenti esperienze musicali si era occupato della parte direzionale e degli arrangiamenti musicali.

Per maggiori info:

www.armr.it

presidenza@armr.it

www.facebook.it/armr.onlus

Immagine                                                                                      

Natale 2013: il nuovo trend segue l’e-commerce e il riciclo dei regali

regali_di_natale_16Si parla di crisi, ed è inevitabile anche parlare dell’influenza che questa avrà sulla spesa media degli italiani nel periodo natalizio. Un’interessante indagine di mercato è stata svolta in questa direzione proprio dalla piattaforma di Groupon, che oltre alle stime del Belpaese vede anche quelle di altre nazioni del vecchio continente. In Italia hanno partecipato all’indagine 2.076 persone, 54% donne, per il 30% comprese nella fascia d’età 35-44 anni. Dato principale dell’analisi è quanto dichiarato dal 42% che spiega l’inevitabile necessità di ridurre il budget destinato alle celebrazioni delle feste. La percentuale media della riduzione prevede l’abbattimento del 28% delle spese. Tra gli oltre duemila intervistati, il 57% afferma di voler rispettare il budget prestabilito, che dovrebbe stanziarsi attorno ai 260 a testa: quasi metà di quanto spenderà in media un inglese (260 euro). Si è calcolata una media di 9 regali a famiglia, e i conti sono presto fatti: 29 euro a regalo circa. Altro segnale forte della crisi è quanto dichiarato da più della metà degli italiani intervistati, stante i quali, circa il 53%, si avvarrà di regali già ricevuti e da riciclare. I principali tagli, in fatto di doni, saranno verso gli amici; e in secondo luogo sulle vacanze. Ma la rivoluzione del Natale prosegue, con un buon 30% di intervistati che ammette di voler fare shopping su Groupon, votandosi ad un risparmio generale: soldi ( 73%), tempo ( 53%) ed evitare di girare nei negozi affollati (46%).

Bergamo si tinge di “giallo”, MTSM lancia l’amico Fabio Bergamaschi

Fabio Bergamaschi: amico e partner di MTSM – marketing & social media -, ma soprattutto grande scrittore in erba, che a settant’anni vive la sua seconda primavera nei panni del giallista. Un Conan Doyle scaligero, ma bergamasco di adozione, che finalmente presenta il suo primo romanzo: “Il Veleno della Vendetta”. Un’opera che fa la spola tra Bergamo e Verona – sua città natia – e si impernia dei vizi e dei segreti dell’alta borghesia, dove amori adulterini irromperanno prepotenti nelle vite dei personaggi, che avvolgeranno il lettore con i loro segreti. Un dramma che si consuma nell’omicidio e, ancor prima, nelle menti dei protagonisti, dilaniate dai sospetti e dalle loro paure più intime, che incalzano il lettore pagina dopo pagina, sempre in cerca di una soluzione all’enigma. L’opera, edita da Pernice Editori, ha già iniziato a far parlare di sé. Fresco di questi giorni è l’articolo del quotidiano Bergamonews, che sarà seguito dagli approfondimenti dei due free press curati dalla nostra società, in uscita il mese di dicembre. Ma intanto, è già dietro l’angolo la presentazione di questo giallo, pronto per la pole position sotto l’albero di Natale tra le idee regalo da fare ad amici e parenti. Fabio Bergamaschi, infatti, è lieto di invitarvi tutti DOMENICA 1 DICEMBRE, alle ore 18.00, alla sua presentazione, ospitata dalla libreria IBS di via XX Settembre a Bergamo. Per saperne di più leggi l’evento, cliccando qui.

Ecco la copertina dell’opera, stampata negli ultimi giorni di novembre

veleno opera per marketing