Natale 2013: il nuovo trend segue l’e-commerce e il riciclo dei regali

regali_di_natale_16Si parla di crisi, ed è inevitabile anche parlare dell’influenza che questa avrà sulla spesa media degli italiani nel periodo natalizio. Un’interessante indagine di mercato è stata svolta in questa direzione proprio dalla piattaforma di Groupon, che oltre alle stime del Belpaese vede anche quelle di altre nazioni del vecchio continente. In Italia hanno partecipato all’indagine 2.076 persone, 54% donne, per il 30% comprese nella fascia d’età 35-44 anni. Dato principale dell’analisi è quanto dichiarato dal 42% che spiega l’inevitabile necessità di ridurre il budget destinato alle celebrazioni delle feste. La percentuale media della riduzione prevede l’abbattimento del 28% delle spese. Tra gli oltre duemila intervistati, il 57% afferma di voler rispettare il budget prestabilito, che dovrebbe stanziarsi attorno ai 260 a testa: quasi metà di quanto spenderà in media un inglese (260 euro). Si è calcolata una media di 9 regali a famiglia, e i conti sono presto fatti: 29 euro a regalo circa. Altro segnale forte della crisi è quanto dichiarato da più della metà degli italiani intervistati, stante i quali, circa il 53%, si avvarrà di regali già ricevuti e da riciclare. I principali tagli, in fatto di doni, saranno verso gli amici; e in secondo luogo sulle vacanze. Ma la rivoluzione del Natale prosegue, con un buon 30% di intervistati che ammette di voler fare shopping su Groupon, votandosi ad un risparmio generale: soldi ( 73%), tempo ( 53%) ed evitare di girare nei negozi affollati (46%).