Come cambia il business nel 2014?

Ora il trend si inverte. Quello sconosciuto che era il marketing e quella piattaforma esclusivamente ludica quale era considerata Facebook, con tutta la schiesa di social al seguito, ora tornano alla ribalta: in Italia e ovviamente in ritardo. Ma meglio tardi che mai. Snoccioliamo quindi un po’ di dati: nel 2013 il 25% delle aziende ha deciso di affacciarsi sul almeno un social network in maniera autonoma; il 10% invece ha scelto di affidare i progetti a specialisti del marketing come potremmo essere noi di MTSM. Un’evoluzione importante, seppur tardiva, per il nostro Paese, che pur soffrendo il digital devide cerca di tenersi in quota.

Molteplici sono le richieste di clienti che si servono dei nostri pacchetti di “reconstruction”: una sorta di ristrutturazione delle attività sui social media, precedentemente create senza un strategia precisa. Tra i deterrenti, sicuramente c’è la crisi, che restringe i margini di tempo per il pieno sviluppo di un piano marketing: molti imprenditori, ancora in attesa del compassato “tutto e subito”, stentano ad allinearsi ad una precisa strategia, in quanto saldamente convinti delle virtù del porta-a-porta o del telemarketing, sistemi di vendita destinati a spegnersi.

Un bilancio del periodo di dicembre evidenzia anche come molti nostri clienti, di fronte alla necessità di voler rinnovare il proprio contratto e la propria partnership con noi, siano più propensi ad un investimento sul web piuttosto che sulla carta stampata: quello che è creato sul web, infatti, resta, può essere sempre gestito, messo da parte o ripreso.

La scelta di MTSM è anche quella di orientare i propri clienti verso un nuovo tipo di management, che include a pieno titolo la strategia di TES Marketing (che unisce Branding, marketing e commerciale), utile soprattutto per le società di servizi (corsi di formazione, consulenza, trasporti etc). Il 2014 si apre con nuovi e interessanti risvolti: da un lato le difficoltà economiche, dall’altro invece la propensione ai social media, monitorabili ogni momento e sempre più efficienti. Un esempio? Immaginatevi la sera, nell’intervallo tra primo e secondo tempo della partita disputata dalla vostra squadra del cuore: sempre meno gente presterà attenzione alla pubblicità televisiva, e rispetterà invece il dato rilevato nell’ultimo anno, stante il quale una persona che abbia computer, smartphone e tablet, passi l’80% del proprio tempo sempre connessa.

Un dato, una conferma. E che piaccia o no, il futuro è social e si sa: il lavoro non è mai stato un gioco.

Italia, lo shopping e-commerce come traino per il social media marketing

Che il digital devide sia uno dei problemi maggiori di un’Italia orientata lentamente alla tecnologia, non si fa mistero. Che gli italiani ce la mettano tutta per sentirsi più in rete, invece, lo attesta la loro propensione al commercio online. A renderlo noto è lpsos, attraverso una ricerca effettuata per Webloyalty – azienda specializzata in programmi di sconti e nella generazione di reddito supplementare per aziende che svolgono attività di commercio online. Ad emergere, dunque, è la propensione dei consumatori del Belpaese a fare shopping in internet: quasi tre italiani su quattro hanno effettuato almeno cinque acquisti negli ultimi sei mesi.

Non solo un’alternativa al buying tradizionale, ma anche un metodo per colmare il gap nei confronti degli altri Paesi europei decisamente più avanzati. La ricerca di mercato è stata fatta su oltre 1.500 acquirenti, di cui ben il 75% è stato definito heavy-buyer, compratore assodato, e ben il 69% supera i 5 acquisti annui. Ma le differenze si stratificano anche da regione a regione: la palma d’oro va all’Umbria, dove l’89,5% sono grandi compratori. Il fanalino di coda è invece l’Abruzzo con il solo 27% di compratori fedeli.

Ciò che emerge è un aspetto non solo economico, che vede gli italiani maggiormente attratti dalle super offerte dell’ecommerce, ma anche sociale. Si sta infatti superando quella diffidenza di fondo verso il mondo dell’internet, fino a prima visto con circospezione. . Ora l’obiettivo dei player di settore deve essere quello di accrescere la conoscenza del commercio digitale, sia attraverso forme di education che di cashback, ovvero la formula di rimborso assicurato. Un passo importante, che fa sentire l’italiano a casa anche nel mondo del web, e non più in una giungla dalle mille insidie. Ed un beneficio anche per il web marketing, che, in virtù di questa crescita commercale, può ambire ad un portafoglio clienti intenzionato ad esplorare la promozione della propria attività su internet e social media.