035 Cigar Club, eleganza e passione per iniziare il nuovo anno

Tornano in tavola le emozioni con 035 Cigar Club, l’associazione che sta risvegliando a Bergamo la cultura del sigaro guidata dal presidente Matteo Medici. Il prossimo 29 gennaio, il gruppo di appassionati, porterà nel freddo inverno orobico un tocco di calore sudamericano, con una degustazione di Don Alejandro di Vegas Robaina. Sigaro di prima fascia, tra gli emblemi del fumo lento e mostro sacro per gli aficionados di settore. Ad ospitare la conviviale un’altra location d’eccezione: la Cantina Lemine di Almenno San Salvatore. “Per inaugurare al meglio il nuovo anno abbiamo deciso di ripartire in grande subito dopo le vacanze natalizie – spiega il presidente Medici – proponendo la degustazione di un sigaro grosso e imponente, dalle caratteristiche molto aromatiche, legato all’assaggio delle grappe vincitrici al concorso ‘Spirito di vite’ indetto dall’associazione amica Adid”. La cultura bergamasca fa quadrato, e intende rilanciarsi nel 2014 proseguendo sulla linea tracciata gli scorsi mesi. “Il nostro club è in forte crescita – prosegue Medici – e noi non abbiamo mai nascosto le nsotre ambizioni”. Durante la serata è previsto anche un intervento a carattere finanziario da parte di Ornella Pesenti e Elisabetta Alborghetti, che intratterranno gli ospiti con una interessante digressione “sulla pianificazione finanziaria personalizzata, attraverso la quale hanno realizzato un servizio di Consulenza Evoluta, basata sulla trasparenza e la totale assenza di conflitto di interesse”. A coronare il tutto, l’allure di una cornice di prim’ordine, nelle sale della Cantina Lemine, dove a regnare è la filosofia culinaria. “Ciò che voglio trasmettere con i miei piatti è proprio il concetto del cibo non come fonte esclusiva di nutrimento del corpo – spiega lo Chef Padron Alberto Magri – ma anche come fonte di nutrimento per lo spirito”. A confermare l’importante crescita anche il governatore bergamasco di Adid, il ristoratore Marco Falconi: “i distillati e ora, speriamo, anche i sigari, sono pronti a vivere una seconda giovinezza – aggiunge – sono passioni, da conoscere e degustare con moderazione, per viverne appieno cultura e sapori. Il nostro obiettivo è aprire queste forme di cultura a tutti”. Tra gli sponsor della serata anche la nostra società di editoria, marketing e tipografia MTSM, che sostiene nell’ambito della comunicazione il club del fumo lento.

 

 

 

Annunci

Natale 2013: il nuovo trend segue l’e-commerce e il riciclo dei regali

regali_di_natale_16Si parla di crisi, ed è inevitabile anche parlare dell’influenza che questa avrà sulla spesa media degli italiani nel periodo natalizio. Un’interessante indagine di mercato è stata svolta in questa direzione proprio dalla piattaforma di Groupon, che oltre alle stime del Belpaese vede anche quelle di altre nazioni del vecchio continente. In Italia hanno partecipato all’indagine 2.076 persone, 54% donne, per il 30% comprese nella fascia d’età 35-44 anni. Dato principale dell’analisi è quanto dichiarato dal 42% che spiega l’inevitabile necessità di ridurre il budget destinato alle celebrazioni delle feste. La percentuale media della riduzione prevede l’abbattimento del 28% delle spese. Tra gli oltre duemila intervistati, il 57% afferma di voler rispettare il budget prestabilito, che dovrebbe stanziarsi attorno ai 260 a testa: quasi metà di quanto spenderà in media un inglese (260 euro). Si è calcolata una media di 9 regali a famiglia, e i conti sono presto fatti: 29 euro a regalo circa. Altro segnale forte della crisi è quanto dichiarato da più della metà degli italiani intervistati, stante i quali, circa il 53%, si avvarrà di regali già ricevuti e da riciclare. I principali tagli, in fatto di doni, saranno verso gli amici; e in secondo luogo sulle vacanze. Ma la rivoluzione del Natale prosegue, con un buon 30% di intervistati che ammette di voler fare shopping su Groupon, votandosi ad un risparmio generale: soldi ( 73%), tempo ( 53%) ed evitare di girare nei negozi affollati (46%).

Marketing & Social Media

La nostra filosofia ci ha portati a ritenere il marketing un sistema efficacie di fare impresa. Aprire un sentiero vincente tra le maglie del mercato è l’obiettivo di chi investe e mette in gioco un capitale, e MTSM sceglie di operare non per te, ma con Te, mettendo al primo posto il cliente, che diventa un Partner della nostra società: informazione, agevolezioni, rateizzazioni dei contratti spalmabili sull’arco dell’anno, consulenza gratuita anche nel post vendita.

Ecco quindi che vi presentiamo in anteprima le proposte del 2014, partendo dai tre pacchetti predefiniti attorno ai quali il cliente potrà orientare il proprio interesse in base alle proprie necessità:

1. SOCIAL MEDIA START UP (partenza)

OBIETTIVO: nella fattispecie si tratta di un pacchetto marketing predefinito, attraverso il quale il cliente potrà vedere realizzata un’area di promozione della propria attività. La nostra società, quindi, si impegna a pensare questo pacchetto per tutte quelle aziende che fino ad oggi non si sono mai affacciate nel mondo del 2.0, impostando il programma di lavoro in base alle esigenze del cliente e alla struttura e tipologia della sua azienda, al fine di garantire un lavoro ottimale, che risponda alle aspettative del committente e sia nel contempo flessibile e dinamico, semplice da utilizzare. Il presente pacchetto ha l’ambizione di accrescere giornalmente il numero di contatti raggiungibili, sostenendo la necessità di consolidare un’attività aziendale prima di tutto attraverso i suoi contenuti, la sua storia, la cultura che sta dietro la merce o il servizio che intende promuovere al pubblico.

STRUTTURA: Il progetto di start up dei social media, implica un lavoro suddiviso su più fronti: dalla professionalità alla fidelizzazione, dalla ricerca alla promozione, attraverso un meccanismo semplice, improntato sull’utilizzo di quelle piattaforme social più diffuse, al fine di agevolare la visibilità della vs azienda.

COSTO: il prezzo di questo pacchetto va dai 400,00 euro ai 635,00 euro, il tutto rateizzabile da tre a sei mesi

2. SOCIAL MEDIA RECONSTRUCTION (ricostruzione)

OBIETTIVO: nella fattispecie si tratta di un pacchetto marketing esclusivamente rivolto a quelle imprese che si sono già affacciate al mondo del web e del 2.0, ma che non sono riuscite a trovare una loro dimensione idonea alle prospettive di mercato sperate; che non siano state in grado di pianificare il loro ingresso in questa fetta di mercato con una strategia vincente e che, nonostante tutto, cercano di rilanciare la propria attività, ristrutturando dunque le basi già gettate e ripartendo con nuovo entusiasmo alla conquista dell’internet. E’ un mercato nuovo, in quanto molte aziende, sottovalutando il potenziale del social media, ora si trovano nella fase di limbo, in cui il brand risulta “presente ma fermo”, e cerca nuove idee per ripartire.

STRUTTURA: Social Media Reconstruction è un progetto prettamente incentrato sulla consulenza ed il confronto paritario con il cliente, il cui segreto risiede nell’ascolto e nella messa in atto dei suoi desideri.

Ecco dunque le fasi nelle quali MTSM Srl intende strutturare questo tipo di pacchetto:

  1. Intervista: si tratta dell’incontro preliminare con il cliente, nel quale viene analizzata la sua situazione mediale e si ascoltano le sue esigenze, i suoi obiettivi che spera di raggiungere operando con il nostro staff

  2. Check Up: il cliente firma acconsentendo che il marketer di riferimento della società MTSM Srl venga autorizzato di avere accesso ai profili/pagine di proprietà del cliente su ogni social network, al fine di poterle studiare nella loro forma, struttura, e analizzarne i dati relativi a eventuale crescita o decrescita nel corso del tempo, così da poter studiare un piano di ristrtturazione. Al termine del check up verrà proposta una relazione scritta e dettagliata al cliente.

  3. Progetto & Ristrutturazione: il marketer di riferimento della società MTSM Srl realizzerà su carta un piano di rilancio e integrazione della struttura mediale del cliente, con il quale potrà confrontarsi

  4. Realizzazione del Progetto: il marketer della società MTSN Srl realizzerà quanto accordato con il cliente.

  5. Consulenza: una volta ultimata la ristrutturazione del piano mediale del cliente, verrà fatta una consulenza finale, nella quale il cliente verrà messo i condizione di poter sfruttare al meglio l’intero apparato mediale. Se, al termine di questa, fase il cliente decidesse di interrompere i rapporti con la società MTSM Srl, avrà l’obbligo di modificare tutte le password di accesso, in quanto scaduto il mandato di MTSM Srl.

COSTO: il prezzo del presente pacchetto va dai 390,00 euro a 960,00 euro, rateizzabili dai 4 ai 10 mesi

3. SOCIAL MEDIA INCREASEMENT (Crescita)

OBIETTIVO: La presente offerta si concentra nella fattispecie sul potenziamento di un piano social media già esistente, ed è rivolto a quelle aziende che sono già presenti sui social network e, soddisfatte del lavoro fino ad ora svolto, vogliono incrementarlo, potenziarlo e raddoppiarne l’efficienza. Questo sarà possibile grazie al lavoro di ricerca interna svolto dallo staff di MTSM Srl, che proporrà strumenti e strategie di avanguardia al cliente, dandogli quel tratto distintivo che lo renderà unico rispetto alla concorrenza, forte sul mercato, più presente verso l’utenza. Il segreto di un ottimo lavoro sarà il confronto paritario tra la nostra equipe e il cliente, di cui verranno ascoltati aspettative e desideri da realizzare.

STRUTTURA: Il presente pacchetto prevede le seguenti fasi di lavoro:

  1. Intervista: si tratta dell’incontro preliminare con il cliente, nel quale viene analizzata la sua situazione mediale e si ascoltano le sue esigenze, i suoi obiettivi che spera di raggiungere operando con il nostro staff

  2. Check Up: il cliente firma acconsentendo che il marketer di riferimento della società MTSM Srl venga autorizzato di avere accesso ai profili/pagine di proprietà del cliente su ogni social network, al fine di poterle studiare nella loro forma, struttura, e analizzarne i dati relativi a eventuale crescita o decrescita nel corso del tempo, così da poter studiare un piano di ristrtturazione. Al termine del check up verrà proposta una relazione scritta e dettagliata al cliente.

  3. Progettazione&Realizzazione: il marketer di riferimento della società MTSM Srl realizzerà quanto pianificato con il cliente dopo il confronto preliminare e l’analisi delle necessità riscontrate nella nuova strategia aziendale da promuovere

  4. Consulenza: una volta ultimata la ristrutturazione del piano mediale del cliente, verrà fatta una consulenza finale, nella quale il cliente verrà messo i condizione di poter sfruttare al meglio l’intero apparato mediale. Se, al termine di questa, fase il cliente decidesse di interrompere i rapporti con la società MTSM Srl, avrà l’obbligo di modificare tutte le password di accesso, in quanto scaduto il mandato di MTSM Srl

COSTO: il prezzo del presente pacchetto va dai 390,00 euro ai 1.200,00 euro, rateizzabili fino a un anno

SI SPECIFICA: che i servizi di potenziamento verranno di mese in mese incrementati dallo staff di MTSM Srl, grazie al nostro lavoro di ricerca interno, svolto settimanalmente al fine di garantire la miglior offerta al cliente. I prezzi vengono presi dai listini della tabella generale dei costi dei nostri servizi

E se non hai tempo per gestire il tuo pacchetto, ci pensa MTSM. Contattaci per un preventivo gratuito, o anche solo per conoscere prezzi e offerte del mese. Scopri le convenzioni che hai lavorando con noi: ti aspettiamo

MTSM Srl

info@mtsmpress.com

http://www.studiocfc.it

Seguici su tutti i social network, basta cliccare sui seguenti indici: Facebook, Google+, Twitter, LinkedIn, Slideshare, Tumblr

Comunicazione: il mercato francese in crescita sul 2012

Il Gruppo TBS è presente sul mercato dei media e della comunicazione in 8 Paesi europei. In questi ultimi tempi, ogni mercato sta subendo una diversa evoluzione: TBS Italy (proprietario di ILFAC), con il sostegno di Spot and Web, vi fornisce una visione di come si stanno muovendo i vostri colleghi all’estero.

Nei mesi di Novembre e Dicembre vi daremo una panoramica per ogni singolo Paese. Cominciamo, oggi, con il paese più vicino all’Italia, la Francia.

Il mercato pubblicitario d’oltralpe, rappresenta a fine Settembre 19,662 Miliardi di € e beneficia di una crescita del 2% rispetto allo stesso periodo del 2012. L’evoluzione dei singoli medium:

TBS Italy come va la Francia - 1

I settori in forte crescita o ribasso durante il periodo Gennaio-Settembre 2013 vs 2012 sono:

TBS Italy come va la Francia - 2

Il CEO di TBS Francia, Nicolas Daniel, ci spiega come è andato quest’anno per TBS Francia e cosa ci si aspetta per il 2014:
“Bisogna ricordare che TBS fornisce due categorie di servizi alle agenzie creative e concessionarie di pubblicità: il database ILFAC e i software Aloha e AdResa per la gestione dell’attività commerciale. Per quanto riguarda la banca dati ILFAC, l’anno è stato molto positivo perchè molte agenzie sono state costrette a sviluppare il loro business per compensare i problemi della crisi. ILFAC è l’unico strumento adattato alle loro esigenze e abbiamo avuto una forte domanda.
L’anno è stato positivo anche per ciò che riguarda i software dedicati alla gestione dell’attività commerciale delle concessionarie di pubblicità, AdResa e Aloha. La crisi ha costretto alcuni gruppi a separarsi da alcune riviste, che hanno sviluppato nuove concessionarie di pubblicità che ci hanno contatto per dotarsi delle nostre soluzioni. E’ stato il caso della divisione Salute di Wolters Kluwer e del Gruppo Next, ad esempio. Altri editori hanno ripreso la gestione della vendita pubblicitaria internamente e sono stati costretti ad adottare i nostri strumenti (esempio Idea Magazine o Uni Edition).
L’anno 2014 dovrebbe essere identico a quello 2013. Grandi gruppi stanno ancora vendendo alcune riviste, come il Gruppo Lagardère e, sicuramente, si svilupperanno nuove strutture che avranno bisogno delle nostre soluzioni. “

Curriculum 2.0, proprio come Barak Obama, proprio per essere ovunque

ImmagineLo staff di MTSM da tempo si pone questa domanda:

perché le persone devono fossilizzarsi su un curriculum cupo e anonimo, dove dati su dati e mansioni su mansioni si affastellano senza essere realmente valorizzate, e senza dare sfoggio all’individualità di una persona?

Se sei di questo avviso dedicati 10 minuti del tuo tempo, vai sul sito web di RE.VU, e fai come Barak Obama: crea gratuitamente il tuo curriculum online. L’unico deterrente, per chi avesse problemi con la lingua, è il fatto che il sito web sia tutto in inglese. Ma la soluzione, anche quella gratuita, invece, è a portata di mano: perché ci siamo noi. Contattaci via mail all’indirizzo  info@mtsmpress.com, e il nostro staff vi invierà gratuitamente una breve guida per riuscire ad iscrivervi senza problemi. La stessa guida (un semplice foglio in word) nei prossimi giorni verrà caricata su questo nostro Sito Web, e sarà vostra con un semplice (e anche in questo caso gratuito) download. Il futuro passa da RE.VU, sta a voi prenderlo al volo e promuovervi come meglio potete nel mercato di oggi: in Italia, all’estero e sui social media.

In Bocca al Lupo

L’Analisi. “Anche oggi hanno giustiziano un’innocente”

Non vogliamo parlare di crisi, ma di giustizia. Per troppo tempo, nei periodi di benessere, si è pensato a considerare l’imprenditoria come una classe privilegiata e non come una fascia fondamentale per la crescita del Paese. Oggi, invece, in un periodo di conclamata e innegabile difficoltà, paradossalmente, anziché tutelarla si è pensato solo a tassarla. La rima è la stessa, ma l’effetto scaturito diametralmente opposto.

A spingermi a prendere in mano la penna, però, non è stato tutto questo, ma l’atto di coraggio di quell’imprenditore bergamasco di Castel Rozzone che, pur rimasto senza soldi, ha stretto i denti e pagato tutti i suoi lavoratori, tralasciando i contributi previdenziali. Il tribunale ha scelto l’assoluzione, ma l’ente pubblico dell’Agenzia delle Entrate brandiva già la scure: questa è la reale vergogna! L’italiano che si trasferisce all’estero è la conseguenza logica a cui porta uno Stato che vessa coloro che rappresentano la sua principale risorsa; l’italiano autore di un gesto così coraggioso che accetta anche le conseguenze del suo agire in maniera così limpida, invece, è l’esempio di un’imprenditoria che non vuole mollare, che ama il proprio Paese più di quanto non faccia una classe politica trincerata dietro i suoi privilegi, che dovrebbe guidarci fuori da un momento di difficoltà ma che invece preferisce non vedere e non sentire.

Lo Stato, inasprendo le norme fiscali, incentiva ad evadere, a lasciar fallire imprese che non hanno nulla da perdere, e ad oggi  ha approvato il decreto attuativo che consente agli imprenditori di rateare i debiti verso Equitalia con delle specifiche che rendono quasi impossibile l’ottenimento di una rateazione più lunga. Pensiamo a come sarebbe la situazione se un imprenditore, anziché 72 rate, fosse agevolato con 120 rate; pensiamo a quante aziende si salverebbero e quanti soldi rientrerebbero nelle casse statali. Pensiamo a quanto elastica tornerebbe ad essere la nostra economia e a quanto incentivate ad investire siano le persone volenterose. E invece, no: A tale riguardo il decreto prevede che le due condizioni sussistono quando l’importo della rata:- per le persone fisiche e le ditte individuali con regimi fiscali semplificati, è superiore al 20% del reddito mensile del nucleo familiare del richiedente accertato mediante l’indicatore della situazione reddituale (ISR) rilevabile dal Modello ISEE da allegare all’istanza;- per i soggetti diversi dalle persone fisiche e dalle ditte individuali con regimi fiscali semplificati, è superiore al 10% del valore della produzione, rapportato su base mensile ed enucleato ai sensi dell’art. 2425, n. 1 (Ricavi delle vendite e delle prestazioni), n. 3 (Variazione dei lavori in corso di ordinazione) e n. 5 (Altri ricavi e proventi, con separata indicazione dei contributi in conto esercizio) c.c. e l’indice di liquidità [(Liquidità differita + Liquidità corrente) / Passivo corrente] è compreso tra 0,5 ed 1.  Non sarebbe molto più semplice concedere un’ulteriore rateazione a chi vuole pagare invece di mettere tanti paletti per complicare la situazione?

  Si continua a far pagare il 30/40% di sovrattassa, mettendo l’imprenditoria sulla gogna per poi impiccarla. Nel pieno dell’Era del Capitalismo, la scelta dello Stato italiano è stata quella di giustiziare l’imprenditoria, e di continuare a farlo predicando pazienza e fiducia nelle Istituzioni, per poi colpire alle spalle chi ha deciso di restare sul proprio suolo natio ad investire, credere e sperare da bravo cittadino. Se il giorno dei morti è una volta l’anno, quello dell’imprenditoria è una ricorrenza quotidiana che gli atti pubblici non mancano di ricordarci.

Pres. Provinciale Uniscom Casartigiani Bergamo

Dott. Luca Ermanno Tironi

Una Chat di lavoro: per consulenze, domande, curiosità. Gratuita ed esaustiva.

Un blog è vicinanza, ricerca e approfondomento. Un blog, ora è anche dialogo. MTSMagazine collauderà nei prossimi giorni, una chat di lavoro incorporata proprio all’interno del blog. Per l’utente che volesse chiedere un appuntamento con i nostri operatori marketing, chiedere informazioni o, una volta cliente, chiedere addirittura una consulenza, sarà possibile cliccare sulla vignetta apposita che comparirà a fondo pagina. In questo modo si aprirà la versione chat e questo vi consentità di poter stabilire una linea diretta con i nostri marketer, con la tipografia, con l’ufficio stampa e con il settore editoriale dei nostri giornali.

Chiunque fosse invece interessato ad una consulenza di durata sopra i 30 minuti, può, prima di collegarsi alla chat, chiedere un appuntamento al nostro indirizzo generale: info@mtsmpress.com, e al resto ci pensiamo noi ricontattandovi immediatamente. Potrete sapere anche il listino prezzi della nostra consulenza via web, estremamente flessibile e conveniente: vi farà risparmiare tempo e benzina, guadagnando in nuove idee ed in una pronta assistenza.

Quando si dice l’informazione in un click.

Italia, lo shopping e-commerce come traino per il social media marketing

Che il digital devide sia uno dei problemi maggiori di un’Italia orientata lentamente alla tecnologia, non si fa mistero. Che gli italiani ce la mettano tutta per sentirsi più in rete, invece, lo attesta la loro propensione al commercio online. A renderlo noto è lpsos, attraverso una ricerca effettuata per Webloyalty – azienda specializzata in programmi di sconti e nella generazione di reddito supplementare per aziende che svolgono attività di commercio online. Ad emergere, dunque, è la propensione dei consumatori del Belpaese a fare shopping in internet: quasi tre italiani su quattro hanno effettuato almeno cinque acquisti negli ultimi sei mesi.

Non solo un’alternativa al buying tradizionale, ma anche un metodo per colmare il gap nei confronti degli altri Paesi europei decisamente più avanzati. La ricerca di mercato è stata fatta su oltre 1.500 acquirenti, di cui ben il 75% è stato definito heavy-buyer, compratore assodato, e ben il 69% supera i 5 acquisti annui. Ma le differenze si stratificano anche da regione a regione: la palma d’oro va all’Umbria, dove l’89,5% sono grandi compratori. Il fanalino di coda è invece l’Abruzzo con il solo 27% di compratori fedeli.

Ciò che emerge è un aspetto non solo economico, che vede gli italiani maggiormente attratti dalle super offerte dell’ecommerce, ma anche sociale. Si sta infatti superando quella diffidenza di fondo verso il mondo dell’internet, fino a prima visto con circospezione. . Ora l’obiettivo dei player di settore deve essere quello di accrescere la conoscenza del commercio digitale, sia attraverso forme di education che di cashback, ovvero la formula di rimborso assicurato. Un passo importante, che fa sentire l’italiano a casa anche nel mondo del web, e non più in una giungla dalle mille insidie. Ed un beneficio anche per il web marketing, che, in virtù di questa crescita commercale, può ambire ad un portafoglio clienti intenzionato ad esplorare la promozione della propria attività su internet e social media.

Bergamo, l’edilizia si rilancia con i giovani

MTSM rilancia il progetto “Rete Clienti”, annoverando una new entry  che parla la lingua del mattone  con il piglio delle nuove generazioni. E’ l’impresa edile bergamasca Le Costruzioni Srl, società nata nel 2011 con sede nel paese di Zogno (Valle Brembana). L’amministratore è Luca Arioli, ragazzo di 28 anni, diplomato geometra e libero professionista, che, all’attività edile, affianca quella di consulenza. “La mia azienda è stata fondata nel 2011, ma la mia esperienza affonda le radici da molto più tempo, essendo mio padre impresario da oltre trent’anni – spiega – e la nuova politica di famiglia è quella di puntare sui giovani, lasciando spazio alle nuove idee”. Inutile dire che l’edilizia sia in difficoltà, inutile aggiungere che i tempi siano cambiati, soprattutto nel settore delle costruzioni conchiuso tra le amglie di un mercato provinciale. Molto più interessante, invece, è capire quali strategie un’azienda scelga di adottare per mantenere intatto il proprio spazio nel mercato: ” Innanzitutto serve diversificare l’offerta, andando dalla costruzione ex-novo fino alla ristrutturazione di appartamenti che va per la maggiore – riprende Luca -. In seconda battuta la creazione di una rete”. Se prima i tempi consentivano una programmazione degli appalti su scala triennale, ora si deve ragionare per semestre, e ad occupare il semestre successivo deveessere la rete di contatti, che garantisca nuovi clienti sicuri. “Noi operiamo sulla storia e la credibilità – racconta Luca – cooperiamo al fine di fare rete tra persone di cui si conoscono il passato e la serietà sul lavoro, dove all’onestà si risponde con l’onestà”. Una sorta di marketing sociale quello attuato da Le Costruzioni Srl, dove la fiducia sta alla base del loro mercato. “In questo periodo la maggior parte dei lavori li stiamo facendo sull’area dell’Isola bergamasca e della Valle San Martino”. Nel mercato, tuttavia, resta alta la concorrenza: “in Valle Brembana ci sono decine di imprese e micro imprese e spesso si lavora per il pareggio di bilancio, pur di prendere l’appalto”. Ma ad insegnare è la storia: “da sempre abbiamo amministrato in maniera virtuosa le nsotre imprese, e anche oggi l’appoggio delle banche non ci manca. Manca piuttosto ai privati, che non riescono ad accedere in molti casi a finanziamenti per la casa”. Di certo, però, il ridimensionamento delle attività non può negare: “Mio padre lavorava con quindici operai, io ora ne ho quattro. Non si punta più alla quantità del lavoro, ma alla qualità”. Discorso diverso per il futuro, invece: “la valle ha del potenziale, ma ora bisogna puntare sulle ristrutturazioni, dato che il nuovo resta invenduto… E anche un occhio all’innovazione”. Il riferimento va dritto alle case in legno, come quelle della California, che costano un terzo rispetto a quelle in cemento; che riscaldano e raffreddano meglio perché sono isolanti, ed hanno una migliore tenuta sismica. “Per chi sceglie di investire è importante che si sappia esistono due tipi di ristrutturazioni: una che consente di usufruire di una detrazione del 50%, mentre la seconda , per il miglioramento della prestazione energetica dell’edificio. Io curo da consulente anche queste pratiche, in modo che il cliente sappia che con la dichiarazione dei redditi dell’anno successivo potrà avviare il processo di detrazione”.

Un’App per la Valle Imagna: quando la montagna incontra il marketing

 In tempi di crisi economica, rilanciare il turismo e valorizzare il territorio è un’impresa davvero ardua, soprattutto all’interno di realtà piccole come la Valle Imagna. Il fattore geografico non ha di certo scoraggiato il Distretto del Commercio promosso da Comunità Montana, comuni e associazioni di categoria che, sotto la guida operativa di Fulvio Manzoni, hanno dato vita al sistema informativo turistico e commerciale integrato, il cui scopo è quello di fornire un completo database, costantemente aggiornato, contenente informazioni di natura turistico-commerciale.

La punta di diamante che trasforma in qualcosa di tangibile o, per meglio dire, “tattile”,  il sistema informativo è indubbiamente l’applicazione gratuita per iPhone, iPad e dispositivi Android InValleImagna, sviluppata dal team Maply (maply.eu). Si tratta di una sorta di contenitore elegante, chiaro ed intuitivo, al cui interno sono raccolti eventi, luoghi di interesse, promozioni e attività commerciali sparse sul territorio valdimagnino. A dare una mano al turista di turno ci pensa anche un ottimo sistema di geolocalizzazione, che permette all’utente non solo di venire a conoscenza di tutto ciò che accade in Valle Imagna, ma anche di raggiungerlo in tutta comodità. Vista l’impossibilità di accedere alla rete mobile in certe zone della alta valle, nei prossimi mesi verrà introdotto l’accesso ai contenuti in assenza di connessione, oltre alla chat e al filtraggio dati in base a parametri temporali e geografici.

Nella visione di un progetto dalla forte impronta comunitaria e dinamica, ogni operatore istituzionale e commerciale può inserire, aggiungere o modificare le informazioni relative alla propria attività, che saranno immediatamente disponibili sull’app. Inoltre, nel mese di novembre, verrà lanciato anche il sito web (InValleImagna.com), che funzionerà in maniera parallela alla controparte mobile. InValleImagna è solo la punta dell’iceberg di quella che potrebbe essere una vera e propria rivoluzione digitale e pubblicitaria dell’intera vallata, visto che il sistema informativo darà la possibilità ad ogni esercente di creare un proprio sito web, ma anche di realizzare cataloghi, buoni sconto e molto altro.

Questo primo, ma convincente passo verso le nuove tecnologie  fa parte di un programma ad ampissimo respiro, che vede protagonisti istituzioni, imprese e associazioni della valle, il cui obiettivo comune è quello di valorizzare le bellezze naturali, gastronomiche e culturali della Valle Imagna, un meraviglioso smeraldo incastonato ai piedi delle Orobie.

di Marco Locatelli